Quale aspirapolvere scegliere? Te lo spieghiamo noi.

Quale aspirapolvere scegliere?

Quale aspirapolvere scegliere. È la domanda che in genere ci poniamo un po’ tutti quando dobbiamo acquistare un prodotto o elettrodomestico.

Lo stesso vale anche per l’aspirapolvere, poiché in questo caso la scelta o selezione deve essere comparata con differenti tipologie e marchi.

Diciamo che per fare sicuramente la scelta migliore nello scegliere l’aspirapolvere dobbiamo, prima di tutto, valutare le nostre esigenze e necessità.

Quale aspirapolvere scegliereIn secondo luogo, comprendere quale uso ne faremo e con quanta frequenza, perché è del tutto inutile spendere cifre esagerate per il più super tecnologico degli aspirapolvere se poi lo usiamo due volte l’anno.

Occorre quindi il giusto compromesso tra utilizzo, qualità e prezzo, solo così riusciremo a fare il migliore acquisto possibile.

Dipende anche da quali superfici dobbiamo aspirare: tappeti, parquet o marmo. Oppure, diversamente, dobbiamo pensare se possediamo animali in casa o no. Quindi è chiaro come le varianti sono diverse e tutte implicano una necessità e quindi l’uso di un aspirapolvere che meglio si adatta a ogni condizioni.

Per un uso veloce e pratico: scegliere l’aspirapolvere senza fili.

Questo tipo di aspirapolvere è adatto per un uso quotidiano e per la pulizia di quantità non eccessive di polvere, è pratico perché senza fili e in diverse modalità.

Per esempio, in questo caso noi consigliamo l’acquisto del Rowenta RO8366EA per la praticità e la potenza, uniti ad un ridotto consumo e rumore. Il prezzo è di circa 238 euro e la recensione la trovate cliccando qui (CLICCA QUI).

Si può usare ad esempio per aspirare il divano, magari dopo il “passaggio” burrascoso del nostro cane o gatto, oppure per raccogliere i residui del cibo dei piccoli, come anche aspirare i sedili dell’auto e molte altre superfici.

Il punto debole di questi apparecchi senza fili è la durata della batteria, che spesso ha il “fiato corto”, mentre altre volte ci si potrebbe dimenticare di metterlo sotto carica e quindi in questi casi diventa inutilizzabile nel momento.

Tuttavia un buon aspirapolvere con un’autonomia di diverse ore sicuramente è molto funzionale, costa un po’ di più ma ne vale certamente la pena.

Un buon aspirapolvere per grandi superfici.

Il più classico degli aspirapolvere è sicuramente quello tradizionale, con tanto di alimentazione da presa di corrente, quindi senza problemi di usabilità e durata.

In questi casi questa tipologia si usa per il più classico dei modi, aspirare grandi superfici della casa, i tappeti e via dicendo.

Sicuramente un aspirapolvere come questo presuppone non solo un uso frequente ma anche intensivo. Quale aspirapolvere scegliereSi potrebbe dire che è indispensabile per un appartamento o casa che superi i 100/120 mq, dove le dimensioni e le varie superfici compresi tappeti richiedono un’aspirazione frequente e intensa.

Per quanto riguarda il modello e marca anche in questo caso la scelta è soggettiva.

Il consiglio è sicuramente quello di evitare prodotti non certificati e diciamo anonimi, indendendo così marche non riconosciute e storiche.

Molte recensioni indipendenti che rispondano alla domanda quale aspirapolvere scegliere le troverete sulla nostra rivista. La Rivista del Consumatore dal 2012 offre recensioni serie ed indipendenti, garanzia di indipendenza ed affidabilità.

Leave a Reply